Una strategia per la libertà (versione integrale)

GIOVANNI BIRINDELLI, 13.4.2016

(Pubblicazione originale in due parti: MiglioVerde, parte 1 e parte 2)

 

  1. Introduzione

Ci sono diversi sistemi istituzionali che sono realisticamente compatibili col paradigma della libertà:

  • assenza di stato (con servizi come la sicurezza assegnati ad agenzie private in competizione fra loro)[1];
  • comunità volontarie (per esempio con servizi come la sicurezza decisi e finanziati allo stesso modo in cui vengono finanziati i servizi di pulizia all’interno di un condominio)[2];
  • presenza di stato ma senza alcun monopolio legale e con tassazione volontaria (con servizi come la sicurezza offerti residualmente, se e ove possibile, in competizione con quelli offerti dal mercato)[3].

Queste soluzioni e forse altre ancora sono, per così dire, punti di arrivo, destinazioni più o meno compatibili col paradigma volontario della libertà. Il punto di partenza, oggi, è l’espressione più resistente e dilagante del paradigma coercitivo mai osservata nella storia dell’uomo: la democrazia totalitaria. Nel pensiero libertario, il problema teorico della ‘destinazione’ (cioè di quale sia concretamente il miglior sistema istituzionale compatibile col paradigma teorico della libertà) ha ricevuto una discreta attenzione. Al contrario, il problema strategico di come passare dall’attuale forma di totalitarismo a uno qualsiasi dei sistemi istituzionali compatibili col paradigma della libertà, ha ricevuto e continua a ricevere molta meno attenzione. Come ricorda Murray Rothbard, «Queste sono due questioni totalmente separate: la questione di quale sia il nostro obiettivo ideale, e quella della strategia e della tattica per arrivare al nostro obiettivo partendo dal sistema attuale»[4]. E sulla seconda questione molto poco è stato detto: «L’elaborazione di una teoria sistematica della libertà è già di per sé una cosa abbastanza rara, ma l’esposizione di una teoria strategica per la libertà è stata di fatto inesistente[5]

Lo scopo di questo articolo è quello di discutere, non un possibile sistema istituzionale compatibile col paradigma teorico della libertà, ma una possibile strategia per favorire una transizione verso di esso, qualunque esso sia, a partire dalla situazione reale esistente di un paese fondato su un sistema giuridico puramente positivo. Continue reading

Video dell’intervento a Liberi Comuni d’Italia

GIOVANNI BIRINDELLI, 4.5.2014

(Video dell’intervento tenuto a Siena il 4 maggio 2014 in occasione della costituzione di Liberi Comuni d’Italia)

Il testo può essere trovato a questa pagina: link

Intervento a Liberi Comuni d’Italia

GIOVANNI BIRINDELLI, 4.5.2014

(Testo dell’intervento tenuto a Siena il 4 maggio 2014 in occasione della costituzione di Liberi Comuni d’Italia)

La decadenza si manifesta in modo estremamente reale, concreto, tangibile: un imprenditore che si toglie la vita, un’impresa che chiude, una persona che perde il lavoro, una famiglia che non ce la fa ad arrivare a fine mese, un campo di ulivi che viene abbandonato a se stesso. È allora istintivo e perfino rassicurante cercare di contrastare la decadenza in modo altrettanto reale, concreto, “fattivo” e, contemporaneamente, evitare e perfino ridicolizzare le chiacchiere filosofiche. Tuttavia, anche se la decadenza a cui stiamo assistendo si manifesta in modo molto reale e concreto, la sua causa ultima è puramente filosofica: essa consiste nell’idea astratta di legge che è stata imposta, nel caso italiano, dalla costituzione. Continue reading

Huerta de Soto: come azzerare il debito pubblico (parte II)

GIOVANNI BIRINDELLI, 5.12.2013

(Original publication: Mises Italia)

3. Alcune critiche di carattere generale

Non credo che questa proposta sia esente da critiche da una prospettiva di libero mercato (un’interessante critica in questo senso è stata fatta per esempio da Phillip Bagus nell’articolo citato alla nota 8) ma, essendo una proposta strategica attuabile che si concentra su alcune delle cause del problema e non sui suoi effetti, credo che possa essere un buon punto per iniziare una discussione seria (e non ristretta a pochi isolati circoli accademici) su come ridurre il debito pubblico che si contrapponga al solito pensiero unico statalista.

Esprimo qui una perplessità e una critica. Continue reading

Libero mercato, interventismo e legislazione privata

GIOVANNI BIRINDELLI, 7.6.2013

(Original Publication: Ludwig von Mises Italia, revised edition)

1. Libero mercato e interventismo sono processi, non stati

Battersi per il libero mercato senza allo stesso tempo battersi anche per l’idea filosofica di legge sulla quale il libero mercato si regge, e quindi contro l’idea filosofica di legge che rende possibile l’interventismo, è uno sforzo in gran parte inutile. Continue reading

Il programma di Letta: consolidamento dei privilegi e decrescita

GIOVANNI BIRINDELLI, 5.5.2013

(Original publication: L’Indipendenza, Movimento Libertario)

Nel suo discorso alla Camera il neopremier Enrico Letta ha affermato di volersi rivolgere al parlamento e al paese col «linguaggio “sovversivo” della verità» e ha lanciato la sfida di un’«autorevolezza del potere [che] … sceglie sempre e solo la verità e ha il coraggio e la pazienza di raccontarla ai cittadini, anche se dolorosa o brutale». Questa sfida Letta la ha persa in partenza. Continue reading

“Fermare il declino” ha fallito perché non era per nulla liberale

GIOVANNI BIRINDELLI (6.3.2013)

(Original publication: L’Indipendenza, qui con errata corrige)

In un articolo pubblicato ieri su questo giornale, Costantino de Blasi (candidato per Fare per Fermare il Declino – FFD – alle recenti elezioni politiche), ha discusso le ragioni che, dal suo punto di vista e al netto della figuraccia di Oscar Giannino, stanno alla base dell’insuccesso del suo movimento. Io personalmente ho un’opinione molto diversa su quelle ragioni. Continue reading

Governabilità, democrazia e separazione dei poteri

GIOVANNI BIRINDELLI (3.3.2013)

(Original publication: L’Indipendenza)

Con la scusa della governabilità faranno una legge elettorale che sarà ancora più discriminatoria per le minoranze, le quali saranno sempre meno rappresentate. Diranno che una minore rappresentatività è il prezzo da pagare per la necessaria governabilità. Non è vero: una minore rappresentatività è il prezzo da pagare per l’assenza di separazione dei poteri Continue reading

L’offerta privata della legislazione

GIOVANNI BIRINDELLI (Testo dell’intervento alla conferenza Interlibertarians: Lugano, 24,25-11-2012)

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 16.1.2014

(Publication: Movimento Libertario)

Buonasera. Vorrei ringraziare Interlibertarians per questo incontro, e in particolare Franco Bertelli, Rivo Cortonesi, Leonardo Facco, Luca Fusari e Emanuela Gini.

Come possono i libertari ottenere consenso per influenzare o cambiare le istituzioni esistenti. La mia risposta è: “Riportando sulla scena la legge”. Continue reading

Un partito liberale è possibile?

GIOVANNI BIRINDELLI, 22.9.2012

(Original publication: Movimento Libertario)

In un precedente articolo ho sostenuto che il liberalismo è un sistema di riferimento: ciò che differenzia i liberali da tutti gli altri, cioè dai totalitari (siano essi nazisti, comunisti, socialisti, socialdemocratici, difensori della costituzione italiana, una qualunque delle fazioni politiche oggi presenti in Italia, eccetera), è in primo luogo l’idea astratta di legge. Questa è la differenza primaria dalla quale derivano tutte le altre. Per quanto assurdo possa sembrare a molti, non c’è nessuna differenza fra le posizioni dei liberali, da una parte, e quelle dei totalitari, dall’altra, in qualunque campo (anche economico), che non possa essere ricondotta all’idea astratta di legge. Continue reading